I vincitori del concorso #restiamoacasa

I vincitori del concorso #restiamoacasa

Oggi, 3 giugno, rendiamo pubblici i lavori selezionati tra le decine di apporti che sono arrivati in risposta al Concorso “Restiamo a casa”.

Siamo molto lieti del grande successo dell’iniziativa e della partecipazione di così tanti bambini e ragazzi che, con l’aiuto dei propri genitori, hanno inviato elaborati che esprimono il loro mondo, il loro stato d’animo e il loro vissuto nei giorni più difficili della quarantena imposta a tutti i cittadini italiani per limitare la diffusione del Coronavirus.

Sono stati selezionati lavori in base a 3 parametri principali: l’originalità e intelligenza dell’idea, la bellezza visiva e la varietà degli apporti multimediali.
I 3 lavori vincitori esprimono con semplicità il sentimento di tanti altri bambini nella loro più intima luce.

Ci teniamo a dire che tutti i lavori sono stati molto apprezzati e che tutti i lavori saranno premiati con la loro presenza all’interno della pubblicazione di un libro che sarà distribuito nelle principali librerie.

La commissione è stata presieduta dal Dott. Gianluca Scarnicci, Giornalista, Direttore dell’Agenzia Comunicatio.

———————————————-

DISEGNO di ISABELLA L.

———————————————-

RACCONTO DI MARTINA B.

LA QUARANTENA!

In questo tempo di quarantena mi sto rendendo conto del fatto che la scuola è una cosa bella e chi riesce ad andarci è fortunato! Mi mancano moltissimo i miei compagni e le mie maestre. La cosa che mi fa più rabbia è che probabilmente la scuola non riaprirà, dunque non potrò salutare la mia classe, i miei compagni e le mie maestre.

Voi direte “come no, l’anno prossimo li rivedrai!”

Non è così perché io l’anno prossimo cambierò scuola: da elementare a prima media. Fortunatamente comunque con il telefono riesco a sentire le mie amiche, anche se solo alcune e passiamo del tempo insieme.

Con le maestre invece riusciamo a fare le lezioni in videoconferenza non così coinvolgenti come quelle in classe. La causa di questa quarantena è il CORONAVIRUS. Non si può uscire se non per la spesa, per lavoro o per visite mediche urgenti. È una cosa noiosissima!! Mi ritengo fortunata perché ho una sorella e quindi ho qualcuno con cui giocare e disegnare.

La paura più grande per me è quella di trovarmi direttamente alle medie senza aver salutato i miei amici.

———————————————-

MULTIMEDIA DI DOMINIC
[player id=1676]

———————————————-

MODALITA’ DI FRUIZIONE DEL BUONO LIBRI
Verranno contattate direttamente le famiglie dei bambini e ragazzi nei prossimi giorni per fornire le modalità di ricezione del premio.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO!
Fai una donazione

Caro Visitatore, chiediamo il Tuo aiuto per sostenere le attività dell'Associazione. Medicina Solidale è un'associazione ONLUS autofinanziata. Le donazioni sono fondamentali per finanziare le attività di assistenza e cura che offriamo a tutti gratuitamente. Se esistiamo è grazie al sostegno di persone come Te che scelgono di dare un contributo volontario. Per continuare a garantire tutto questo, anche nei prossimi mesi, il Tuo sostegno economico per noi è di fondamentale aiuto.

Grazie davvero, Presidente IMES