Domani Francesca Dall’Oglio racconta il fratello Paolo ai piccoli fragili della Capitale al centro Fonte d’Ismaele

Domani Francesca Dall’Oglio racconta il fratello Paolo ai piccoli fragili della Capitale al centro Fonte d’Ismaele

ROMA aise – A otto anni dal rapimento di Padre Paolo Dall’Oglio (29 luglio 2013), domani, 28 luglio, alle 10.00, presso il Centro Fonte D’Ismaele in via
Chiovenda snc (angolo via Palmiro Togliatti) a Roma si terrà un incontro speciale per raccontare chi è Padre Paolo Dall’Oglio ai bambini più fragili della Capitale
accolti da Medicina Solidale.

Il Centro “Fonte di Ismaele” è stato intitolato idealmente all’opera e all’impegno di Padre Paolo Dall’Oglio che proprio nell’esclusione di Ismaele
ha visto una situazione esistenziale in cui “Dio ascolta” il pianto del bambino e “indica la fonte a cui attingere l’acqua” necessaria per non morire nel deserto.
Sarà la sorella di Padre Paolo, Francesca Dall’Oglio, a raccontare ai più piccoli chi è il fratello e la sua chiamata, mentre Riccardo Cristiano, giornalista e
scrittore, presenterà la sua profezia per la Chiesa avendo guardato al bambino Ismaele come paradigma di un’elezione da parte per Dio per ogni bambino escluso.

Saranno presenti, tra gli altri Lucia Ercoli, Coordinatore di medicina Solidale e Direttore del Centro Fonte d’Ismaele, l’equipe di volontari che opera nel
centro, alcuni bambini accolti presso il Centro, Monsignor Pier Paolo Felicolo, Direttore dell’Ufficio Migrantes della Diocesi di Roma.

Articolo apparso su AISE:
https://aise.it/cooperazione/francesca-dalloglio-racconta-il-fratello-paolo-ai-piccoli-fragili-della-capitale-a-8-anni-dal-suo-rapimento/163930/127

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO!
Fai una donazione

Caro Visitatore, chiediamo il Tuo aiuto per sostenere le attività dell'Associazione. Medicina Solidale è un'associazione ONLUS autofinanziata. Le donazioni sono fondamentali per finanziare le attività di assistenza e cura che offriamo a tutti gratuitamente. Se esistiamo è grazie al sostegno di persone come Te che scelgono di dare un contributo volontario. Per continuare a garantire tutto questo, anche nei prossimi mesi, il Tuo sostegno economico per noi è di fondamentale aiuto.

Grazie davvero, Presidente IMES