Coronavirus e povertà: la difficile realtà dei bambini delle periferie nascoste

Coronavirus e povertà: la difficile realtà dei bambini delle periferie nascoste

di Nicoletta Cottone

Il video realizzato è visibile direttamente nella pagg.na dell’articolo sul Sole24Ore nel link sopra riportato.

 
Sono solo bambini, ma già vittime di povertà, malattie, maltrattamenti. Minori spesso emarginati ed esclusi. Bambini invisibili alla società, che in strada crescono più in fretta di altri. Minori ai quali sono negati diritti fondamentali, dall’istruzione all’assistenza sanitaria. Siamo nella periferia romana, in via Chiovenda, a Fonti d’Ismaele, un centro dell’Elemosineria apostolica vaticana, gestito da Medicina solidale, che aiuta i bambini delle periferie nascoste della Capitale. Bambini emarginati ai quali questo centro garantisce il diritto alla salute e l’aiuto nella vita di tutti i giorni, a partire dal grave problema dell’alimentazione inadeguata. Ne parliamo con Lucia Ercoli di Medicina solidale Onlus, dal 2015 responsabile delle attività di cure primarie degli ambulatori di strada dell’Elemosineria apostolica vaticana, specializzata in allergologia, immunologia e in malattie Infettive, autrice di numerosi studi sulle condizioni igienico nutrizionali dei minori vulnerabili e sulle patologie della povertà nelle periferie nascoste di Roma.
 
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

RESTIAMO A CASA!
Questo è l'invito delle autorità in un momento delicato per tutti. E' una misura necessaria per contenere il contagio, aderiamo TUTTI alle indicazioni con senso di responsabilità. Aderiamo tutti: piccoli, giovani e grandi LIMITIAMO IL CONTAGIO STIAMO A CASA! E RISPETTIAMO QUESTE SEMPLICISSIME REGOLE Evitiamo spostamenti inutili Laviamoci spesso le mani Non mettiamo le mani in bocca e negli occhi Evitiamo di darci la mano Troverete maggiori dettagli sul poster del Ministero della Salute che vi invitiamo a leggere con attenzione
Medicina Solidale ricerca una neuropsichiatra infantile
per il centro Fonte d'Ismaele a Roma, inquadrabile in un normale rapporto di lavoro a contratto e non in regime di volontariato.
Le candidature dovranno essere inviate all'indirizzo email: